Ritardi, scioperi e chi più ne ha più ne metta

ALESSANDRIA: Come abecedario delle elementari annunciava, Alessandria è città nota per il suo importantissimo nodo ferroviario. Ora, a Terzo millennio cominciato da un po’, ci vorrebbe un radicale aggiornamento dei testi, per spiegare agli studenti (ma non solo a loro), che l’importantissimo nodo ferroviario è in una crisi abissale, tra progetti che non decollano, discussioni infinite e intrallazzi vari. E poi c’è un’altra postilla da aggiungere: i viaggiatori non riescono a viaggiare, c’è chi aspetta il treno senza la certezza che questo arrivi e c’è addirittura chi, una volta salito, è costretto a scendere molto prima della destinazione. Il tutto tra le continue traversie dei pendolari che, fra ritardi cronici e coincidenze che non coincidono, perdono pazienza, tempo e denaro.Storia di lunedì. Lo sciopero inizia alle 9. A Tortona attendono il treno che deve passare alle 7.36, caricare e arrivare ad Alessandria alle 7.58, dopo soste a San Giuliano e a Spinetta. Il convoglio è in colossale ritardo e quasi nessuno si stupisce. Alle 8.05, quando il freddo è pari alla rabbia, l’annuncio dello speaker: per mancanza di materiale il treno è sopresso. Rabbia e ira. Va bene lo sciopero, previsto dalle 9 alle 17, ma perchè viene dato così in ritardo l’annuncio, visto che il treno sarebbe dovuto partire da Piacenza molto tempo prima? Forse da Piacenza non si sono accorti che il treno era là fermo? Forse non hanno trovato un telefono per avvisare Tortona? Aridatece i segnali di fumo, allora.Storia di ieri. Alessandria: il treno delle 10.40 per Torino parte mezz’ora dopo. Motivo: non c’è il macchinista, notoriamente fondamentale per far camminare un mezzo del genere. Trovato il soggetto, si parte. Ad Asti, però i passeggeri vengono fatti scendere, senza giustificazione. Però….ecco, come da tabellone, due treni provenienti dal Sud e diretti a Torino. Si potrà salire? Certo, ma uno è in ritardo di 90 minuti, l’altro viene annunciato con ritardo indefinito

Annunci

~ di liberae su 14 dicembre 2005.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: